Partner

Provincia di Grosseto

Logo provincia

La Provincia di Grosseto occupa interamente l'estremità meridionale della Toscana e per estensione territoriale, risulta essere la più vasta della Regione.

Il Dipartimento Sviluppo Sostenibile si adopera per aumentare la competitività, la sostenibilità  e la  vivibilità”, da intendersi anche rispetto al profilo economico, ambientale e sociale. L’obiettivo che si pone è superare una visione settoriale (agricola, turistica, industriale) del “concetto di sviluppo”, per approdare ad una concezione territoriale dello sviluppo e delle politiche. Indispensabile inoltre investire sulle infrastrutture “fisiche” e di comunicazione di base, a partire dalle reti informatiche di nuova generazione e alle reti d’impresa.

 

Comunità Montana Amiata Grossetano

logo comunità

Il comprensorio dell’Unione dei Comuni Montani  Amiata Grossetana abbraccia una superficie di Kmq 706.4 comprendente i comuni di: Arcidosso, Castel del Piano, Castell’Azzara, Cinigiano, Roccalbegna, Santa Fiora, Seggiano e Semproniano, nei quali risiedono circa 19.609 abitanti (dati al 31.12.2011). Il territorio dell’Unione  confina a Nord con il fiume Orcia che costituisce il confine naturale e ad Est con la provincia di Siena, a Sud/Sud-Est la località Sforzesca (nel comune di Castell’ Azzara) segna il punto d’incontro del limite delle province di Siena, Viterbo e Grosseto, a Sud e ad Ovest i comuni di Semproniano, Roccalbegna, Arcidosso e Cinigiano degradano verso la pianura della Maremma.
Il territorio dei Comuni dell’Unione è l’Amiata Grossetana. L’Amiata è un antico vulcano ormai spento di 1738 metri sul livello del mare. Sorge isolato tra le valli dell’Orcia, del Fiora e del Paglia. La vegetazione della montagna è caratterizzata da tre fasce boschive: la prima è la faggeta, la seconda è la fascia del castagno, che ama i terreni vulcanici e dal quale le popolazioni amiatine hanno trovato sostentamento per secoli, coltivandolo come prodotto principale della loro alimentazione; mentre nella terza fascia si trovano prati, pascoli, vigneti e oliveti. Circondato da centri abitati di grande interesse storico e artistico, di origine antiche: dagli Etruschi, agli Aldobrandeschi, al Papato e ai Carolingi, alla repubblica di Siena e in ultimo il Granducato di Toscana.

 

Parco Naturale della Maremma

Parco della Maremma

Il Parco Regionale della Maremma si trova in provincia di Grosseto, nella parte meridionale della Toscana. L’area protetta è stata istituita nel 1975 con legge regionale in forma di Consorzio tra l’Amministrazione Provinciale di Grosseto e i tre comuni sui quali il Parco insiste territorialmente (Grosseto, Magliano in Toscana e Orbetello). Dal 1994 è stato trasformato, sempre con legge regionale, in Ente Parco Regionale con specifica competenza autonoma di gestione territoriale.
L’area protetta ha una estensione pari a circa 9.800 Ha, a sua volta circoscritta per la quasi totalità da una ulteriore zona di protezione di circa 10.000 Ha, denominata area contigua.
Lo sviluppo costiero è pari a circa 30 Km, dei quali circa 11 Km sono costituiti da spiaggia e circa 19 Km da costa rocciosa.

 

Sapienza, Università di Roma

Logo università

Il Dipartimento di Biologia e Biotecnologie “Charles Darwin”, parte integrante della “Sapienza”, Università di Roma, ha svolto per decenni attività di ricerca applicata finalizzata alla conservazione della biodiversità e, in particolare, dei carnivori. L'esperienza e il lavoro svolto dallo staff del Dipartimento spazia dalle indagini su larga scala e le banche dati GIS e la modellistica, agli studi di campo a scala locale, inclusi gli studi socio-ecologici effettuati tramite telemetria radio e GPS, stime dell'abbondanza di popolazioni animali, selezione delle risorse e modellistica degli habitat. Il Dipartimento ha maturato anche una vasta esperienza nelle politiche e la pianificazione degli interventi di conservazione, sia in Italia che all'estero. Nel periodo 2006-2010 il Dipartimento ha svolto una ricerca specifica sull'orso marsicano nell'area del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, funzionale a fornire le prime informazioni scientifiche sulla popolazione relitta e individuare le azioni di conservazione più urgenti.

 

 

WWF Italia

Il WWF Italia, associazione ambientalista istituita nel 1966 (Associazione Italiana per il World Wildlife Fund), è una delle organizzazioni nazionali autonome nate dal WWF Internazionale, e con questo strettamente collegata nell'idealità degli scopi e con un preciso accordo di collaborazione. Obiettivo prioritario dell'Associazione è da sempre la promozione, organizzazione e finanziamento di progetti di tutela della natura in tutto il mondo. Oggi coerentemente con quanto già svolto e come naturale evoluzione delle attività effettuate, l'Associazione porta avanti attività per promuovere uno sviluppo che garantisca il mantenimento delle risorse naturali - acqua, foreste e specie viventi - che non sono illimitate, e quindi vanno sfruttate in maniera razionale, ossia sostenibile.

Le attività principali del WWF Italia sono l'elaborazione e l’attuazione di programmi di conservazione di specie e di ambienti minacciati, tramite:

  • l'attuazione di Progetti di Tutela della Biodiversità: progetti specifici di conservazione di specie e di ambienti minacciati;
  • l'attuazione di Progetti sulle Aree Protette;
  • la difesa del territorio: per il contenimento delle minacce contro il patrimonio ambientale attraverso l'attuazione di Progetti di Sostenibilità, come ad esempio la gestione di ricerche specifiche su demotorizzazione, degrado dei suoli costieri, lavori pubblici, l'articolazione dell'azione trasporti, ecc.
  • l'educazione e diffusione della conoscenza dei problemi ambientali soprattutto verso i giovani, con materiali didattici per ragazzi ed insegnanti, organizzando i Panda Club ed i campi vacanza-studio, ed organizzando centri di educazione ambientale;
  • le azioni tecnico-legali: un apposito ufficio si occupa dei rapporti con le istituzioni; pone in opera una massiccia attività di esposte e denunce alla Magistratura per abusi di ogni tipo nei confronti dell'ambiente, consulenza legale per i soci o per le Sezioni locali;
  • le attività svolte dall'ufficio Traffic per il controllo del commercio illegale di specie animali e vegetali inserite negli allegati della "CITES".
     
 
logo della Provincia di Grosseto  |  logo della Comunità Montana Amiata Grossetano  |  logo del Parco Regionale della Maremma  |  logo dell'Università La Sapienza di Roma  |  logo di WWF Italia
 
mappa  |  statistiche  |  crediti
 
Valid XHTML + RDFa  |  CSS versione 2.1 Valido!